LeftRight

Monthly Archives : marzo 2013

«Cinquantacinque punti in testa, di cui ventuno solo a un orecchio. Sei dita rotte. Quattro costole. Un gomito. Spalle lussate a volontà e una clavicola fratturata. Distorsioni varie alle gambe. Un collaterale rotto e una sublussazione del ginocchio. Uscite dal campo per infortunio: nessuna.»

[Il Barone - Andrea Lo Cicero]


Dal profondo della notte che mi avvolge,
Buia come un pozzo che va da un polo all’altro,
Ringrazio qualunque dio esista
Per l’indomabile anima mia.

Nella feroce stretta delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho pianto forte.
Sotto i colpi d’ascia della sorte
Il mio capo è sanguinante, ma indomito.

Oltre questo luogo d’ira e di lacrime
Si profila il solo Orrore delle ombre,
E ancora la minaccia degli anni
Mi trova e mi troverà senza paura.

Non importa quanto stretto sia il passaggio,
Quanto piena di castighi la vita,
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima.

 

NELSON MANDELA


Dio sta ascoltando. Dio è nell anima e nelle mani di quest uomo, che si sforza per dare il meglio di se, indipendentemente dai riconoscimenti o dal compenso che riceverà. Suona come se fosse alla Scala di Milano o all opera di Parigi…


Non è tanto importante l efficacia o la velocità del movimento in se per se. L importante è la disciplina del movimento, è la ricerca della perfezione, le linee del gesto devono essere lente e soavi, devono rasoiare sempre più la perfezione fino a toccarla. Solo cosi il gesto arriva alla completa efficacia.